COSA FARE QUANDO SI TROVA UN RICCIO CON TANTE ZECCHE E PULCI?

In natura tutti gli animali selvatici hanno parassiti esterni, con i quali normalmente convivono.

Se però il riccio gira di giorno, è debole e magro oppure ha un carico elevato di zecche e pulci allora qualcosa non va.

La presenza di tanti parassiti esterni significa che il riccio ha qualche patologia che lo indebolisce e lo rende suscettibile all’attacco dei parassiti.

Le zecche per esempio sentono l’odore dell’indolo, una sostanza che si libera nelle feci dei soggetti ammalati, e tendono a salire più facilmente sull’animale.

La prima cosa da fare se si trova un riccio con tante zecche e pulci è di EVITARE di usare antiparassitari spot-on per cani e gatti, come il Frontline, perché sono molto concentrati e possono causare il decesso del riccio per paralisi respiratoria.

LE ZECCHE vanno tolte per prime, usando una pinzetta per sopracciglia o quelle apposite che possiamo trovare nei negozi di piccoli animali.

Vanno afferrato bene alla base, vicino alla cute del riccio , in modo da estrarre bene la testa.

Bisogna sercitare una trazione costante e non a scatti.

Le zecche vanno quindi rimosse una ad una senza applicare nessuna sostanza, tipo alcool, che possa irritarle e indurle a espellere con la saliva, sostanze tossiche nel sangue del riccio.

Le zecche estratte vanno messe in un bicchiere di alcool.

Con la punta di un cotton flock bagnata di betadine si disinfetta il punto di estrazione della zecca.

Se le zecche sono più di 10-20 è bene subito fare un antibiotico.

Dopo aver rimosso le zecche si può effettuare il trattamento antipulci con Neo Foractil spray per conigli o uccelli da voliera.

Una spruzzata di 4-5 secondi sulla scheda e sul posteriore lontano da collo e testa.

In pochi minuti le pulci cadranno tutte.

Se dopo una settimana c’è ne fossero ancora si può ripetere il trattamento.

Questo articolo è stato come indicazione per colleghi e operatori del settore del recupero dei selvatici.

Affidatevi sempre ad un centro di recupero ma tenete a mente queste indicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *